Jump to content

tuttotommaso

Moderatore
  • Posts

    2465
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    48

tuttotommaso last won the day on August 4

tuttotommaso had the most liked content!

About tuttotommaso

  • Birthday 11/12/1983

Profile Information

  • Sesso
    Male
  • Location
    Moos, Baden-Württemberg, DE

Previous Fields

  • Status
    000

Contact Methods

  • MSN
    tuttotommaso@gmail.com

Recent Profile Visitors

11789 profile views

tuttotommaso's Achievements

Membro ROTW VIP

Membro ROTW VIP (6/6)

145

Reputation

  1. Ciao ragazzi, come da titolo provo a spiegarvi che tipo di problema ho ormai da tempo e che non ancora sono riuscito a risolvere. In pratica il pc che utilizzo sulla postazione di guida perde la connessione per circa 8-10 secondi (con relativo msg windows) per poi automaticamente tornare a collegarsi alla rete. Questo accade random, non c'è una situazione ben definita quando succede. Può capitare che per ore sono connesso e accade una volta dopo 4h oppure mentre sono al pc per 30 minuti accade 3 volte. In utilizzo normale del computer può non essere un grosso problema, ma durante le gare equivale ad un risultato compromesso. Ho formattato il pc da poco, ed ho reinstallato il software (d'epoca ormai) che la ASrock fornisce per gestire la scheda di rete integrata. Motherboard: ASRock Fatal1ty Z97XKiller/3.1 Software: Atheros Killer LAN Driver Schermata software Premetto che quando accade il router è regolarmente connesso, o meglio, è collegato alla rete ed i led sono regolarmente accesi. Se qualcuno conosce questo software potrebbe aiutarmi a capire magari come impostarlo correttamente oppure consigliarmi l'utilizzo di un altro software di gestione rete. La nuova stagione è alle porte, partecipo principalmente a gare endurance ed eviterei volentieri un connection lost dopo 5, 8 o 12h ore di gara
  2. Ciao Gennaro, benvenuto su ROTW!
  3. Beh ragazzi, leggervi è sempre grandioso.... GARA 9 - 24h Le Mans - Chiusura stagione Ci sono sempre sensazioni contrastanti quando si chiude una stagione, positive perchè si è comunque portato a casa qualcosa di positivo, soprattutto dal punto di vista umano visto quanto il gruppo funziona ed è coeso, dall'altra un po di tristezza perchè non ci si vorrebbe mai fermare a preparare gare insieme e gareggiare "il sabato alle 17". Le Mans....eehhh.....per me è rammarico. Una delle cose che mi piace meno, è proprio quella di non chiudere una gara, tra l'altro una delle nostre capacità migliori in assoluto, che in gare endurance, non è per nulla scontato. Mi rincuora un po il fatto che analizzando il problema, si scopre che tuttavia non si poteva totalmente controllare questa volta. Non mi soffermo più di tanto nel racconto della gara, dove ognuno stava facendo il proprio, riuscendo a rimanere concentrato nonostante 2 CL e potenziometri che si spezzano o rimangono a tutta "solo" nelle prima metà gara. La strategia ed il passo stavano pagando, si rimontava ed eravamo abbondantemente da top 10 e qualcosa di più. Sottolineo che fino alla rottura motore, e quindi quasi a 19 ore di gara, abbiamo portato a casa 0 incidenti e 0 DT per tagli, ripeto ZERO, vuol dire che eravamo in pieno controllo a dimostrazione della crescita esponenziale del gruppo. La stagione è stata un crescendo globale, come velocità, conoscenza della vettura, approccio alla gara ed alle strategie, è stato veramente un mix entusiasmante. Sarò banale, ma se ripenso a gara 1 oggi, mi vien da sorridere. Se ripenso a quando vedemmo che il buon Jimmo ci aveva messo in D2 ed eravamo a contare quante gare potevamo resistere in questa divisione, mi vien da sorridere. Se ripenso a tutto quello fatto e detto in questi 8 e più mesi, mi vien da sorridere. Mettiamo un punto qui a Le Mans con la consapevolezza di avere uno Zano in più dalla prossima stagione, ma soprattutto, abbiamo l'opportunità di affrontare una nuova stagione partendo da tutto quello costruito fino ad oggi. Chiudo ringraziando qui pubblicamente tutti per la stagione conclusa: Ivan, posso vantare di aver visto in lui "il pilota" da endurance, e lo sta dimostrando. Cresciuto in modo incredibile e può farlo ancora, basta crederci. Ma per questo ho in serbo qualche nuovo stimolo che gli svelerò solo la prox stagione . Fuori dalla pista lancia scimmie a ripetizione permettendo così a tutti di essere più felici (o infelici) spendendo soldi. Le fondamenta. Andrea, l'enciclopedia del setup, oltre che instancabile tester. Si allena il doppio degli altri per essere prontissimo (e lo sarebbe), e poi il giorno prima della gara ti comunica con la sua voce ammaliante (cui non puoi dire no) che preferisce rimanere al muretto. In pista mastino e granitico, una certezza. Una colonna portante del team. Lorenzo, il più veloce (ancora per poco ). Il fratellino, il più giovane e rampante del team, deve iniziare a guardare dagli specchietti, perchè ci sono vecchie volpi che pian piano si avvicinano....positivo perchè così anche lui è più stimolato a migliorare. COmunque, il suo contributo fuori dalla pista è meno incisivo dei più vecchietti, ma noi l'abbiamo perchè la differenza la deve fare in pista e così è stato. Il riferimento! Ale, eh...la mia metà . Se ripenso al contesto e sotto quale bandiera ci siamo conosciuti, mi vien da ridere. Ad ogni modo, presenza molto più pesante ed incisiva di quanto lui crede. Il lavoro che fa è enorme e assolutamente fondamentale, il lavoro sporco che chi ci guarda da fuori non vede, ma all'interno del gruppo si vede benissimo e contribuisce al risultato finale in modo assolutamente decisivo. Lui vorrebbe contribuire ancor di più in pista e lo capisco, la pista è il culmine di tutto quello che si fa dietro le quinte, ma sono sicuro che troverà il modo di togliersi soddisfazioni anche li. Fondamentale. Ringrazio anche Sandone, che con la sua presenza quotidiana ci strappa via sempre qualche risata, oltre che aver contribuito al muretto qui a Le Mans. Zano, che dire...da pilota invisibile a Le Mans si è fatto almeno 3 stint al giorno di media, sfornando talmente tanti setup che non si aveva nemmeno il tempo di provarli tutti. Beh, a settembre! Per quanto mi riguarda, è la prima stagione che torno operativo dopo anni, tra l'alto quasi inaspettatamente. Mi sento solo di ringraziarvi, è stato un gran piacere e come già detto da Ale, un privilegio poter tornare a "giocare alle macchinine" con voi!
  4. Gia siamo a commentare gara 8, quasi quasi mi scende la lacrimuccia A questa gara emozioni completamente invertite rispetto a SUzuka dove, consapevoli delle penalità, si partiva per portarla a casa senza troppe aspettative, ed al via si respirava aria relativamente tranquilla in attesa di penalità, ma finale al cardiopalmo. Quì invece ricordo una tensione incredibile al muretto nei primi giri che i cardiofrequenzimetri registravano gli stessi numeri di Lorenzo che era in pista , invece finale teso ma non troppo. In qualifica vediamo subito un Lore in palla, ma il livello era stellare e 1 decimo poteva valere diverse posizioni, alla fine ottima p10. In gara come detto, nel giro di lancio una tensione al muretto paurosa. Primi giri come ci aspettavamo, la scelta tecnica fatta non permetteva di potersi difendere e quindi sverniciati a raffica sul dritto. Si confidava nel secondo stint dove la nostra strategia avrebbe dovuto pagare, ma non avevamo fatto i conti che a Spa nel settore centrali non passi. Quindi un Lore che cerca in tutti i modi di passare Mktaryan ma niente, alla fine ci prova non appena gli lascia 1,5 cm ma va male, contatto e spin più leggero danno. Alla fine l'attacco ci stava, forse si poteva pensare ad un cambio di strategia in quelle fasi dove si è perso tanto, ma abbiamo imparato. Lorenzo quindi fa il suo e cede l'auto a Ivan, che come sempre, la guida in modo impeccabile e stavolta, direi superlativo per come l'auto si comportava. A proposito di questo, alla fine del suo primo stint, Andrea chiede come sentiva l'auto e la sua risposta mista tra il preoccupato e l'incerto non ci lascia tranquilli. Ad ogni modo Ivan conclude i suoi due stint in modo superlativo ancora una volta. Bravissimo! Prendo l'auto, sono concentrato e carico, appena esco dai box vedo il volante leggermente storto verso sx e mi dico "tranquillo, qualche giro e ti ci abitui, anche Lore ed Ivan l'han guidata così". CI ho provato, ero concentratissimo a non fare errori e guidarla al meglio, ma non la sentivo a posto. Troppo leggero il posteriore nelle curve medio lente verso dx, un po ballerina in staccata, non avevo fiducia. Ero lento, ma almeno non avevo commesso errori fino a -15 minuti dalla fine del secondo stint, dove quello che doveva essere un banale semi spin con fuori pista, si trasforma in un incidente con l'auto che arriva da dietro. SOspensione dx danneggiata e delusione profonda. Quando un unico errore lo si paga così mi prende male. Ad ogni modo forse è un bene perchè si ripara tutta l'auto e gara da ricostruire, fortunatamente il tempo del pit non è stato così esagerato. Cedo l'auto ad Andrea che dimostra in gran forma, passo eccellente fino all'errore che purtroppo a Eau Rouge può capitare, quella non è una curva facile e fino a quel momento, aveva già provocato diverse vittime. Ad ogni modo poteva andare anche peggio, perchè il buon Bruno riesce in qualche modo a controllarla e limitare i danni. Grande stint, bentornato!!! Prende l'auto Ale, che oltre alla solita melina pre gara, scende in pista e dimostra che il passo c'è, bisogna solo che lui ci crede. Gli chiedo di non parlare in cuffia perchè so che gli piace raccontarci le sue emozioni, ma quando è concentrato e come dico io "guarda solo l'asfalto", dimostra di poter stare nel gruppo. Alla fine fa 2 ottimi stint che ci permettono di ripassare l'auto a Lore in p9. Il finale è una lotta di nervi con la p7 che ci precede di circa 20 secondi, maturati però sempre per lo stesso problema. Tanto tempo dietro a quella che era la p8 dove si era più veloci, ma non si riusciva a passare. Alla fine soddisfatti ma non pienamente, vuoi un po perchè dopo la p6 ci si prende gusto, vuoi perchè sappiamo che la p7 era alla portata...ma comunque una posizione nella generale guadagnata e accorciato ulteriormente con quelli davanti. SI va a Le mans per chiudere il campionato, dove voglio vedere se siamo capaci di mettere insieme tutto quello che abbiamo maturato durante questa stagione dal punto di vista della conoscenza vettura, setup, nostro potenziale e affiatamento. Se riusciamo a mettere insieme il tutto, sono convinto che possiamo fare una 24h ad alto livello. Grandi ragazzi!
  5. Come non detto 🙄... Non avendo nemmeno una volta acceso la vettura, mi sposto dalla cabina di guida a quella della diretta A dopo e fateci divertire!!!
  6. Ci sto facendo un pensierino... Provo a fare i giri di allenamento previsti dal regolamento, così da iscrivermi come wild car 😉
  7. SUZUKA, RACE 7 (o 6, forse era destino quel famoso sei sul setup ) Che dire ragazzi, sto ancora godendo non poco....ero, stranamente dal mio solito, un po scettico sul risultato finale. Ero convinto che avremmo dovuto fare una gara di fino, senza commettere errori e soprattutto senza pretese. Troppo alto il livello per poter pensare di risalire dopo uno S&G di 1 minuto, figuriamoci entrare nei 10. Non ci ho mai creduto, infatti dicevo a Lorenzo in cuffia appena dopo entrato Ivan in pista: "non ti impazzire a seguire i Pit da solo, a sto giro dobbiamo semplicemente pensare di portarla a casa, troppo lontani gli altri." Niente di più sbagliato, un altra lezione imparata...e che lezione. Qualifica francamente mi aspettavo qualcosa in più di una p17, ma col senno di poi...chissenefrega 😅. Detto questo, dobbiamo ancora lavorare tanto su questo, e lo faremo. Gara Parte Lorenzo, come già scritto sopra da Ivan, dopo 2 giri la nostra strategia di evitare i doppiaggi va in fumo, penalità chiamata subito e "plan B". Lorenzo macina il suo passo, un po si recupera per suo merito, un po per errorini li davanti e piano piano si risale la china...niente di emozionante fino a quel momento, ma dall'essere ultimi dopo la penalità era già qualcosa. Prende la macchina Ivan che abbiamo praticamente recuperato lo svantaggio e ci siamo rimessi in coda al gruppone...Il Gridello sembra avere un po il piedino appena entrato in pista rispetto a quello mostrato in prova, ma comunque i suoi tempi sono ottimi rispetto agli altri ma soprattutto, come sempre, guida pulita senza errori a differenza degli avversari e si inizia a guadagnare posizioni fino ad arrivare alla P12 dove prendo la macchina io. Ho chiesto ad Ivan di montare le medie, era la gomma che mi dava sicurezza dall'inizio alla fine ed ero certo che era "la gomma" qui a Suzuka, penso tra me e me "entra, fai qualche giro, vedi che aria tira e adeguati"....vedo che quello davanti lo posso avvicinare, quello dietro lo posso staccare e allora mi dico "ok, adeguati a spingere senza far danni"....mi sono messo a menare per quello che era il mio passo, mi è costato un lunghetto dove ho accarezzato la barriera ed un DT che francamente, per il punto dove l'ho preso, mi ha fatto veramente incazzare. Mai una volta in prova preso un taglio allo snake...se ci penso ora mi girano ancora . Poco male, gli altri sbagliano molto più di noi e questo dimostra che questa pista non è per nulla facile, specie in gare multiclasse. Tra una smadonna e l'altra siamo in p8 (o 7) non ricordo nemmeno più. Passo la macchina a Lorenzo questa volta con le medie...quello che succede nel mezzo dei suoi ultimi stint è nulla in confronto all'ultima ora di gara, un mix di emozioni e ragionamenti al muretto che sono impagabili, cose che ti fanno capire quanto è bello correre questo tipo di gare e farlo in un Team coeso e affiatato. Il finale è epico dove ci si gioca tutto ad ogni curva, ogni doppiaggio, ogni staccata. Al traguardo, le urla di gioia mista a soddisfazione di tutti e 4 è un ricordo unico che ci tornerà in mente ogni qual volta torneremo a leggere questi meravigliosi post! Complimenti ad Ivan, solito mastino di efficienza e velocità! La solita sicurezza! Complimenti a Lorenzo, facciamo il miglior risultato stagionale quando lui fa una prestazione più vicina ai nostri livelli rispetto al suo standard 😜. Scherzi a parte, sempre il riferimento! Complimenti ad Ale, lavoro sempre immenso pre-durante-post gara...il classico lavoro che non vedi in pista ma che ti permette di fare veramente un salto di qualità. COmplimenti ad Andrea, 322 giri in prove libere, l'80% delle scelte su questo setup erano le sue...non poteva esserci fisicamente ma è stato a bordo con noi dall'inizio alla fine. Il merito di questo risultato è da dividere assolutamente anche con lui. Infine ringrazio e faccio i complimenti a tutti per quello che state facendo! Andiamo a Spa senza rilassarci e più carichi che mai!
  8. Complimenti! Come dice Otto la vittoria è vittoria. Effettivamente il sorpasso è stato un po ottimistico, ma a volte capitano delle opportunità che tornano raramente ed hai fatto bene a prenderti il rischio visto che è valsa la vittoria. Bravo!
  9. Che gara ragazzi! Complimenti veramente a tutti per lo spettacolo visto dalla diretta. Prima parte di gara battaglie da metà a fondo gruppo, seconda metà in 4 la davanti a giocarsi la vittoria. Avrei dovuto vedere solo la partenza e poi andare a dormire e invece mi avete tenuto incollato allo schermo 😁 Bravissimi tutti, diretta inclusa!
  10. Commenti post gara 1000 MILES OF SEBRING Questa volta non voglio parlare dei problemi avuti, già ne ho scritto abbastanza su wa, voglio fare i complimenti per la gara. Prima di tutto perchè abbiamo una capacità di motivarci a vicenda in ogni situazione, e questo permette sempre di portarla a casa. A mio modo di vedere è sintomo di un team compatto dove ognuno di noi sa quello che può e deve fare, senza mai dimenticarsi del divertimento. Andando più nello specifico della gara, stavolta parto da Alessio perchè il contributo anche fuori dalla pista è davvero notevole, con muretto e dati pre e post gara che permettono di pianificare e gestire la gara su altri livelli. Se arrivi a questi livelli anche nella guida, a Lorenzo da 1 secondo a giro . GRANDE! Ivan ormai è costantemente su prestazioni di alto livello, ribadisco il mio pensiero che come velocità, costanza e concretezza sicuramente è uno dei migliori almeno su ROTW. Unica cosa da correggere, sono gli acquisti impulsivi nel pieno della gara Lorenzo ieri veramente al top, quando è in giornata può lottare con i primi in D2, il che la dice lunga. Velocità, gestione benzina e gomme eccellenti. Se proprio c'è da migliorare qualcosa è la qualifica, seppur non è il suo punto forte, sicuramente anche con l'hotlap si potrebbe stare sempre tra i 10. Ma migliorerà anche quì. Chiudo con la mia gara, dove volevo assolutamente recuperare fiducia e autostima dopo la catastrofica gara di 2 mesi fa ad Imola. Non ho fatto errori, ero concentrato e deciso nel fare i miei due stint al massimo delle mie possibilità. Mancava ancora la velocità ma per questo come dico sempre, serve girare e girare per trovare il limite. Siamo un ottimo gruppo, sono molto contento e soddisfatto di vedere come miglioriamo e soprattutto, cosa assolutamente fondamentale, come ci divertiamo. Guardiamo a Suzuka con grande fiducia e motivazione! Forza ROTW!💪
  11. Bene ragazzi, sulla falsariga di Imola, la gara l'abbiamo preparata in modo impeccabile, anche qui eravamo in 5 pronti per gareggiare e questo la dice lunga. Il fatto di avere delle risposte già pronte nei momenti di gara dove c'era da decidere cosa fare, dimostra che se continuiamo ad allenarci ed organizzarci sempre così o addirittura migliorare, non possono che arrivare risultati e divertimento. Siamo ben consapevoli del livello in questo campionato, ed il fatto che stiamo dimostrando di poterci stare è una grande soddisfazione. Questa gara sono praticamente stato quasi tutte le 6h ore al muretto, e respirare l'aria di gara insieme a tutto il team è veramente bello e divertente. Sentire Andrea che insiste nel chiedermi del perchè continuavo a prendere appunti a penna, quando il buon Ale aveva preparato il suo (solito) file exel dove scrivere tutto, non ha prezzo . Ivan e Andrea grande consistenza come sempre, sarò ripetitivo, ma avere piloti in gara che di danno sicurezza come loro non ce ne sono molti. Inoltre diventano ogni volta maledettamente più veloci così da farmi ritrovare sempre a rincorrere nelle PL . Lorenzo ottima gara, forse un pelo sottotono rispetto ad altre piste dove ha fatto più la differenza, ma comunque consistente e sempre ad alti livelli. Ale che dire, oltre il lavoro enorme fuori dalla pista, stavolta ha fatto un gran lavoro anche in pista, mostrando enormi miglioramenti nella gestione gara rispetto a Nürb. Guardiamo ad Indianapolis con la consapevolezza che possiamo migliorare ancora! Bravissimi!!!
  12. Volevo segnalare che nel server ROC il setup non è bloccato.
  13. Previsione alquanto ottimistica. Ma l'importante è crederci
×
×
  • Create New...