Una gara pazzesca, a tratti insensata e con una conferma: Daniele Poli è una macchina davvero forte e in grado di vincere il Campionato. Certo, a Baku ha vinto Santacroce e alla fine conta chi taglia per primo il traguardo, ma l’esito della gara non rispecchia affatto il suo andamento. Secondo Tortella, terzo Poli su Force India e quarto Cona. Partenza caotica e con un paio di contatti nei primi giri: Diana tenta il sorpasso alla curva 2 su Giocarolli ma è costretto al ritiro dopo il contatto. Tortella inizia a macinare giri veloci su giri veloci finché dopo 4 volte riesce ad avere la meglio su Giocarolli. Mechetti e Lapadula ai ferri corti duellano aspramente mentre un attardato Zerbini tenta di recuperare posizioni. Innumerevoli le toccate a muro lungo il percorso cittadino che hanno causato numerosi rientri per sistemare l'aerodinamica ed anche talvolta ritiri senza contare che qualcuno ha dovuto scontare anche penalità attraverso un Drive-Through per uso improprio del DRS. Una vera roulette! Le strategie hanno visto due soste quasi per tutti in cui si è passati dalle SuperSoft alle Soft mentre il più furbo di tutti è stato Cona che ha montato le Medie dopo essere partito con le Soft ad inizio gara: la sua scelta si rivelerà la migliore.

Dopo il valzer dei pitstop Santacroce si mette in caccia di Poli per sferrare l'attacco decisivo e a 5 giri dal termine, le gomme ormai agli sgoccioli del pilota elbano lo costringevano al rientro forzato per un cambio al volo, regalando su un piatto d'argento la prima posizione al suo avversario, posizione che manterrà fino al traguardo sancendo così il quarto vincitore diverso da inizio Campionato. Tortella, a sua volta, guadagnava una piazza mentre gli altri ormai rimanevano fissi alle loro posizioni ormai consolidate.

Si concludeva così in solitaria la cavalcata di Santacroce che ora ha un vantaggio di 2 punti da Poli in classifica generale. Ora ci aspettano 15 giorni di pausa prima di tuffarci nuovamente a Barcellona per il Gran Premio di Spagna.

0
0
0
s2smodern