Quello di stasera sarà l’ultimo appuntamento del Ferrari Challenge sul famoso tracciato delle Ardenne, degna conclusione di un avvincente campionato monomarca su uno dei circuiti più belli e impegnativi del circus. I punti in palio per quest’ultima prova, come già più volte ribadito, saranno raddoppiati, motivo in più che può spronare i piloti a cercare il massimo e guadagnare posizioni importanti.
Le prove e le qualifiche del mercoledì sera hanno infastidito più di un concorrente per via della severità, addirittura eccessiva, con la quale venivano imposte le penalità a presunti tagli, di fatto ciò ha obbligato i piloti ad una guida di precisione millimetrica per sfruttare tutto il possibile a loro disposizione. Per contro  questo ha portato inevitabilmente a commettere piccole sbavature, subito sanzionate, e che sicuramente hanno inciso sul mantenimento di un adeguato ritmo.
Veniamo quindi ai risultati di queste ultime qualifiche: nel gruppo 1 ennesima lotta sul filo dei centesimi fra Pintus e Martinelli, è proprio Lorenzo che trova lo spunto decisivo fermando il crono su 2.10.656, con soli 60 centesimi di vantaggio su Gavino;
in terza posizione si conferma Morelli. Unici i primi tre a scendere sotto il muro del 2.11, ciò che però lascia sorpresi è la tredicesima posizione di Nania, in evidente difficoltà in queste qualifiche, probabilmente  meglio però in previsione gara.
Per il gruppo 2 invece la pole se l’aggiudica nuovamente Fontana col tempo di 2.11.627, più staccato troviamo Giovanetti e quindi Boselli.
In termini di classifica generale, per i piloti ancora i giochi sono aperti, con così tanti punti in palio infatti le posizioni possono rimescolarsi facilmente se dovessero insorgere problemi o incidenti. A condurre è chiaramente Pintus con 680 punti, un bel vantaggio sul secondo, Martinelli, che di punti né conta invece 568. In terza piazza Nania ha un margine più risicato nei confronti di Bonani, causa lo stop di Monza; i due sono staccati di sole 16 lunghezze e in considerazione dell’ordine di partenza così stilato, Gioacchino avrà un importante recupero da compiere.
Per le posizioni a seguire, Rossi assente anche questa prova, si ferma a quota 380, mentre Pagani e Cazzaniga potranno risalire la china.
Nella classifica Team invece, anche se la matematica ancora non esclude i diretti inseguitori, sembrerebbe comunque agevole la conquista da parte del Team RoN3 Red, forte di un vantaggio di ben 202 punti sul secondo VDA. Per il gradino più basso del podio, realisticamente parlando, Pagani e Morelli possono apportare punti importanti, coprendosi le spalle da un possibile attacco del Rotw Red e soprattutto cercare il sorpasso al team VDA.
Non ci rimane che aspettare la conclusione della doppia gara per decretare il podio delle due classifiche, auguriamo a tutti buon divertimento e invitandovi alla massima correttezza in pista.

Stefano Bonani
0
0
0
s2smodern